Costruire un piano d'azione coordinato per i rifugiati afghani

Ci impegniamo a sostenere i nostri partner nel promuovere la creazione di posti di lavoro e l'imprenditorialità per i nuovi arrivati dall'Afghanistan

Migliaia di persone sono state evacuate dal travagliato paese nelle ultime settimane e altre migliaia seguiranno nei prossimi giorni e mesi. Le nazioni di tutto il mondo hanno accolto molti di questi rifugiati e ci sono state espressioni di solidarietà senza precedenti da parte della società civile a livello globale.

Il Gruppo Generali, attraverso The Human Safety Net e i suoi partner in tutta Europa, si unisce ai tanti che già si sono mobilitati per accogliere queste persone nelle comunità di tutto il continente. The Human Safety Net e i suoi partner del programma per le Start-Up di Rifugiati (SINGA Global, La Rouche, Social Impact, Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano, Capacity, FITT, SINGA Stuttgart, Bürgerstiftung Lebensraum Aachen, leetHub St. Pauli, ReDI School of Digital Integration, KIZ SINNOVA, EachOne, Cometa) hanno una solida esperienza nel supportare, tra gli altri, i rifugiati afghani nella creazione di attività di successo in Germania, Francia e Svizzera; molti di questi imprenditori stanno ora svolgendo un ruolo di primo piano nel sostenere i governi e gli attivisti negli sforzi di ricollocazione.

Siamo orgogliosi di lavorare con una rete di colleghi, partner, imprenditori che ha dimostrato tanta resilienza e capacità in un momento così terribile. Crediamo fermamente nella necessità di un'azione coordinata da parte della società civile per sostenere l'integrazione a lungo termine dei nuovi arrivati dall'Afghanistan nella nostra comunità europea. Ci impegniamo a sostenere i nostri partner nei loro sforzi essenziali per promuovere la creazione di posti di lavoro e l'imprenditorialità per i rifugiati e invitiamo altri a unirsi a noi.

Abbiamo ospitato un primo incontro con tutti i partner per individuare le esigenze e definire le priorità in modo da poter coordinare il nostro impegno. Insieme abbiamo definito tre priorità urgenti su cui lavorare:

  1. Creare opportunità di lavoro retribuito per le persone evacuate dall'Afghanistan
  2. Sostenere quei soggetti della società civile che operano a favore dell'integrazione a lungo termine dei rifugiati afgani in Europa
  3. Creare alleanze tra organizzazioni internazionali, aziende, organizzazioni non profit e governo per una risposta coordinata, inclusiva e capillare.


Nelle prossime settimane progetteremo e coordineremo azioni concrete per garantire una risposta efficace e tangibile.


Noi di The Human Safety Net crediamo che, qualsiasi cosa accada nella vita, tutti dovrebbero avere la possibilità di sviluppare il proprio potenziale e lavoriamo perché questa convinzione diventi realtà. Siamo ansiosi di mettere la nostra rete globale di persone che aiutano le persone a servizio dei rifugiati afgani, attingendo anche alla forza e all'impegno della nostra comunità di partner.